Shadow Plays: Virtual Realities in an Analog World

Chapter 2, Note 82

“Mio Padre volle cavarsi un capriccio; ma non n’ebbe grande utile. Io so sin d’allora che computate le spese del lavoro e della montatura delle quattro grandi Camere Ottiche, della fabbrica del Casotto particolare nella costruzione; le molte giornate. cattive, le quali o colla privazione del Sole, o col solo suo offuscamento impediscono di far vedere lo spettacolo; e quello ancora, che va smarrito alla porta, non potendo, nè convenendo badarvi in persona; non gli restarono di guadagno, che le quattro Macchine vendibili continenti le lenti, e gli specchi di metallo. Io però ne ho fatto vedere in due Fiere, una su di un quadro; l'altra in una vasca, e fuori di aver avuto il vantaggio di vederle la folla di gente che veniva ed andava per la mia Bottega, non fece che minorare l’ordinaria mia giornaliera vendita; poichè io non volli che si ricevesse per farle vedere un soldo da chicchesia.” Lorenzo Selva, Sei Dialoghi Ottico-Pratici dedicati all’Eccellentissimo Senato da Lorenzo Selva, Ottico Pubblico Stipendiato (Venice: Simone Occhi, 1787), 172.

This page is referenced by: